Warning: getimagesize(https://www.metalpit.it/wp-content/uploads/2016/04/belphegor.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /home/metalpit/public_html/wp-content/plugins/wp-open-graph/output.class.php on line 306

Il cantante e chitarrista Helmuth Lehner, storico leader della band black metal austriaca BELPHEGOR, è stato aggredito da un attivista ortodosso e nazionalista russo.
Il fattaccio è avvenuto all’aeroporto Pulkovo di San Pietroburgo, dove il gruppo è atterrato in previsione del concerto insieme ai Nile di ieri, il 19 aprile.

Un video caricato sul canale YouTube Ria Katyusha (di cui sotto pubblicheremo un estratto) testimonia l’accaduto: Anatoly Artyukh, questo il nome dell’assalitore, si avvicina ai Belphegor al loro arrivo, apostrofando in russo Helmuth Lehner. Alla richiesta di quest’ultimo di parlare inglese, Artyukh reagisce sputandogli addosso. Lehner, visibilmente indispettito, reagisce cercando di colpire il russo con un calcio e ricambiando lo sputo. Il video si conclude mostrando il fanatico che segue i Belphegor e i Nile mentre attraversano l’aeroporto sino all’uscita, dove raggiungono il minivan che li attende.

Sembrerebbe che Artyukh sia riuscito nell’intento di far annullare il concerto agli organizzatori, sostenendo che quest’evento avrebbe violato ben due leggi federali russe, tra cui quella recentemente approvata sulla blasfemia, che vieta atti pubblici commessi con il manifesto intento di dileggiare la religione.
Le due band non si sono ancora espresse ufficialmente a riguardo.