[wptab name=’ITA’]In occasione della riedizione di “Lost In Forever“, arricchita di quattro tracce inedite (QUI la nostra recensione) in uscita il 13 gennaio tramite UDR Music, abbiamo avuto l’occasione di scambiare quattro chiacchiere con Jennifer Haben, volto e voce dei Beyond The Black. 


Ciao Jennifer! Piacere sono Federico e sono onorato di poterti intervistare! Benvenuta su Metalpit. Come stai?

JH: Ciao Federico! Sto molto bene! Abbiamo avuto dei grandi show negli ultimi giorni ed è stato tutto veramente bello per noi!

Come Beyond The Black avete rilasciato nel mese di febbraio il secondo full-length, “Lost in Forever”, come è nato?

JH: Il processo di creazione del secondo album è stato un po’ difficoltoso a causa del tour. Ci siamo prefissati un obiettivo elevato con questo lavoro. Abbiamo registrato due settimane prima di fare tre settimane di tour da headliner, ed una settimana dopo. Alcune cose sono state registrate anche nel tourbus, per gestire la scadenza. Ma non è stata questa la grande sfida. La grande sfida è che ho avuto un raffreddore durante gli ultimi giorni del tour e solo 2 giorni di riposo prima di registrare le parti vocali finali dell’album. E’ stato psicologicamente stressante per me, perché ho sempre voglia di dare il 100%. Ha funzionato, ma penso che dovremmo darci un po’ più di tempo per il prossimo album. 😉

Per celebrare la nuova formazione della band, una riedizione del disco “Lost in Forever” sarà pubblicato in tutto il mondo il 13 gennaio 2017, con quattro bonus tracks nuove di zecca, “The Other Side”, “Dim The Spotlight”, “Il nostro Little Time “e” Rage Before The Storm “. Potresti descriverci queste quattro nuove tracce?

JH: “Rage Before The Storm” è stato l’inno del Wacken 2015; ci siamo permessi di suonare nella fase principale del Wacken con il “Rock meets Classic”. Il mio compagno in questa canzone è Herbie Langhans e ho avuto modo di conoscerlo tramite il nostro produttore Sascha Paeth (entrambi partecipano al progetto degli Avantasia).

“Our Little Time” è un tipica canzone dei Beyond The Black, che combina un sacco di elementi che abbiamo degli ultimi due album.

“Dim The Spotlight” è il pezzo più sperimentale di ogni altra canzone da me scritta. Dal mio punto di vista ha un po’ delle ritmiche dei Queen e un accentuazione delle melodie (senza voler paragonare i Queen a noi! Ma mi piace molto questa cosa).

“The Other Side” è quella delle quattro nuove canzoni che davvero significa di più per me. E’ uno di quei pezzi che suoni per te stesso. In altre parole, per me è una canzone artisticamente molto atmosferica. Parecchio diversa rispetto alle altre canzoni dei Beyond The Black. Penso che non sia una canzone per tutti, ci si deve arrivare da soli po’ alla volta. Ma se lo fai, ti porterà lontano! È per questo che la amo.

È fresca la notizia della separazione con alcuni membri della band. So che hai già risposto tante, troppe volte sui motivi del divorzio, quello che vorrei invece chiederti è quanto è stato difficile per te emotivamente affrontare tutto ciò…

JH: Certamente non è stato il momento più facile della mia vita. La fase più difficile è stata durante le prime settimane successive l’annuncio. Molte persone non hanno capito e sono andate sul personale. Per proteggersi bisogna ignorare cose del genere, ma purtroppo non ci si riesce sempre. Ma ora va tutto bene e siamo totalmente concentrati sui prossimi step!

Quali sono le band ed i cantanti che ti hanno ispirata maggiormante?

JH: Ascolto vari generi da quando ero bambina. A 9 anni ho fondato la mia prima band. Abbiamo suonato dagli AC/DC ad Amy Winehouse passando per Whitney Houston. Ti dirò, Whitney Houston è stata una delle mie favorite quando ero piccola. Amo le donne con voci potenti! Così come mi sono innamorato della voce di Floor (Nightwish) quando l’ho sentito la prima volta! Ma anche i Queen sono una band molto affascinante per me, con la polifonia che scorre nelle loro canzoni… davvero impressionante! Penso che tutto questo mi abbia influenzato.

Cosa pensi sia necessario per innovare un genere, il symphonic metal, che vede tante band assomigliarsi troppo?

JH: Penso che le band che non suonino in maniera così simile l’uno con l’altro come dici. Alcuni hanno più death metal, altre melodie rockeggianti, alcune un canto classico e alcune una voce più rock. Credo che ci siano molte differenze e se c’è il bisogno di un cambiamento, allora si deve cambiare genere.

Ci parli un po’ dei testi dell’album e le relative tematiche?

JH: Il testo di “Lost In Forever” racconta per lo più storie tristi ed emotivi, dalla ricerca di se stessi attraverso la paranoia, alla visione della fine del mondo. Ma ci sono alcune canzoni che mostrano un qualche tipo di speranza e capisci quanto è preziosa la vita. Una delle mie preferite che include entrambe queste visioni è “Beyond The Mirror”. In questa canzone, il proprio riflesso è una persona di un altro mondo. Quella persona vuole far parte del mondo reale, sentire cose reali, essere di questo mondo. Io dico che quella persona invece deve rimanere nel suo mondo, perché la verità e la vita sono infernali e le cicatrici non potranno mai guarire. Molto drammatica, ma credo che siano situazioni che tutti hanno provato.

Nella vita di tutti i giorni, che tipo di musica ascolti?

JH: A parte le influenze che ti ho detto prima, mi sono innamorato di nuovo di Phil Collins negli ultimi mesi. Spero di essere in grado di vederlo quando verrà in Germania quest’anno! Molto spesso ascolto anche “Sempiternal” dei “Bring Me The Horizon”. Amo le emozioni che scorrono nelle loro canzoni!

Cosa faresti se non fossi la cantante dei Beyond The Black?

JH: Wow… Io davvero non lo so! Questo perché non ho mai mai fatto qualcosa di diverso dalla musica e i Beyond The Black ne sono stati la conseguenza; non posso davvero dire cosa avrei fatto. Sto studiando come attività secondaria, ma questo in realtà è solo un “piano B” per me, i Beyond The Black saranno sempre al primo posto!

Cosa ne pensi della querelle sul definire le band come “female fronted metal”? Alcuni dicono che è offensivo e sessista, ad altri non importa. Ti senti sminuita quando si riferiscono ai Beyond The Black in questo modo?

JH: Beh… non mi sento davvero sminuita, mostra solo la triste verità di quanto un poco lontane siano le donne nel metal. L’unica cosa che non mi piace è che le persone che non ci conoscono, leggono/ascoltano questa descrizione e non trovano la musica che si aspettano da noi.

Hai qualche rimpianto o rimorso nella tua “show-business” vita?

JH: All’interno dell’ambiente musicale non del tutto! Ho incontrato persone molto cortesi. Ma naturalmente si deve combattere un po’ in questo ambiente quando sei una donna e non canti in modo classico, per essere accettata come cantante metal. Ma yeah..noi saremo sempre un po’ più leggeri di altri, ma penso che sia assolutamente giusto – anche per i metallari!

Ho notato che non sono presenti i Beyond The Black su Spotify (al momento dell’intervista i BTB non erano su Spotify, attualmente invece la riedizione di “Lost In Forever” è presente, mentre è sempre assente il loro primo album, n.d.R.). Colgo l’occasione per chiederti cosa ne pensi di questa nuova era musicale di Internet, se pensi che ci siano più aspetti negativi che positivi.

JH: A dire il vero non sono ancora molto sicuro su questa tematica. Credo che la ragione per cui non otteniamo più leggende è perché il business della musica è così veloce ed in movimento attualmente. La responsabilità di questo è di Internet. Ma Internet non è poi così male. Dal mio punto di vista bisogna solo essere interessanti, straordinari e dare sempre il 100%, così – con un po ‘di fortuna – si possono raggiungere una quantità di persone come non mai prima, in un breve lasso di tempo. Sì, a volte è necessario solo fortuna… ma questo è probabilmente un caso eccezionale. Sono curiosa di vedere cosa accadrà nei prossimi decenni!

Grazie Jennifer per questa intervista! Vuoi lasciare un messaggio ai tuoi fan italiani?

JH: Non vediamo l’ora di essere da voi il 18 gennaio! Speriamo di vedervi tutti lì per festeggiare il nostro primo spettacolo in Italia! Vogliamo conoscervi e siamo molto curiosi di vedere come i Beyond The Black verranno accolti nel vostro bellissimi paese!
Grazie per il tuo interesse e i migliori auguri dalla Germania! ??[/wptab]

[wptab name=’ENG’]Hello Jennifer! I’m Federico from Italy and i’m honored for this interview! Welcome to Metalpit, Italian webzine created in 2016. How are you? 

JH: I’m very good! We had some great shows the last days and everyone is really nice to us!

Beyond the Black has released in February the second full-length “Lost in Forever”, what could you share about its genesis? 

JH: The process of making the second album was a little bit difficult because of touring that much. We’ve set us a high goal with this. So we were recording two weeks before a 3-week headline-tour and one after that. Some things even were recorded at the tourbus to handle the deadline. But that was not the big challenge. The big challenge was that I got a cold during the last days of the tour and I gave me just 2 days to rest before recording the final vocals for the album. That was a little psychical stress for me, because I always wanna give 100%. It worked, but I think we should give us a little bit more time for the next album. 😉

To celebrate the new band’s union, an international tour edition of the “Lost in Forever” album will be released worldwide on January 13th 2017, featuring four brand-new bonus tracks, “The Other Side”, “Dim The Spotlight”, “Our Little Time” and “Rage Before The Storm”. Could you describe these four new tracks? 

JH: „Rage Before The Storm“ is the official Wacken-Hymn of 2015, we were allowed to play at the main stage of Wacken with Rock meets Classic. My duet partner in this song is Herbie Langhans and I got to know him through our producer Sascha Paeth (both are involved in Avantasia). „Our Little Time“ is a typical BTB-song that combines a lot of things we’ve had in the last 2 albums. „Dim The Spotlight“ is the most experimental song in terms of every other song we wrote before. In my point of view, it has a bit of Queen rhythms and accentuations in the melodies (without meaning to liken Queen to us! But I like it much because of that.). „The Other Side“ is the one of the four new songs that means the most to me indeed. It’s one of the songs you play just for yourself. In other words: For me it’s such an artistically song with much atmosphere. Much different than the other songs of BTB. I think it’s not a song for everyone, you have to get yourself into it a little. But if you do this it will carry you along! That’s why I love it.

It’s recent news that unfortunately you and the whole band split-up. I know you’ve already answered on the divorce motives, so my question is a little different: how hard it was for you emotionally? 

JH: Of course it was not the easiest time of my life. The hardest time was during the first weeks after the announcement. Many people didn’t understand and got a little bit personal. To protect yourself you have to ignore some things like that, but unfortunately that doesn’t always work. But now everything is fine again and we’re totally looking forward to our next steps!

What are the bands and the vocalists that inspired you?

JH: I listen to various genres since I was a child. When I was 9 years old I founded my first band. We played from AC/DC over Amy Winehouse to Whitney Houston. I have to say, Whitney Houston was one of my big favourites when I was a little child. I love women with powerful voices! So I fell in love with Floors voice (Nightwish) when I heard her the first time! But also Queen is one of the bands that are very fascinating to me with their polyphony that run through their songs.. really awesome! I think everything of that influenced me.

What do you think it is necessary to innovate a genre, namely Symphonic Metal, which now counts a lot of bands very similar to one other?

JH: I think, that they don’t sound that similar as you remark. Some have more of death metal in it, some more rocky melodies, some are singing classical and some have a rock voice in the front. I think thats very different and when you want to change more it’s another genre.

Would you mind telling us a little about the album’s lyrics and thematics? 

JH: The lyrics of “Lost in forever” mostly are telling sad emotional stories, from the searching of yourself via paranoia, through to seeing the end of your world. But there are some songs that show some kind of hope and the understanding how precious live is. One of my favorites that includes both sides is the story around “Beyond The Mirror”. In this song, the own reflection is a kind of person of another world. That person wants to come to the real world to feel all the real things and feelings in this world and I tell that person that he should stay in his world because the truth and life is hell and the scars will never heal. Very dramatic, but I think once everyone went through a situation within he felt a little like that.

In the everyday life, what kind of music do you listen? 

JH: Apart from the influences I told you before, I fell in love again with the music of Phil Collins the last months. I hope to be able to see him when he comes to Germany this year! Also I’m very often listening to Bring Me The Horizon’s album Sempiternal! I love the emotions he conveys through the songs!

What would you do if you were not the singer of Beyond The Black? 

JH: Wow.. I really don’t know! Because of the fact that I never ever made something else than music and that Beyond The Black was the thing I came up with, I can’t really say what I would do. I’m studying as a sideline, but that’s really just „plan B“ for me, BTB will always be my number one!

What do you think of the querelle about the term “female fronted band”? Some say it’s offensive and sexist and some do not care. Do you feel belittled when they refer to Beyond The Black in that mode? 

JH: Well.. I don’t really feel belittled, that just shows the sad truth that far to little women are on the metal stages. The only thing I don’t like about that is that the people which don’t know us reading/listening to that description can’t get what music they can expect from us.

Do you have any regrets or remorse in your “show-business” life?

JH: Within the musician circle not at all! I met just very courteous people there. But of course you have to fight a little bit around the musicians circle, when you’re a woman and NOT singing classical, to be accepted as a metal singer. But yeah..we will always be a little more mellow than others but I think that’s absolutely okay – also for metal heads!

I noticed that BTB are not on spotify. I take this opportunity to ask you what you think of this new age music, if you think there are more negatives aspects than positives. 

JH: I’m not really sure about that theme yet. I think the reason why we don’t get legends anymore is because the music business is so fast moving at the moment. Responsible for that is the internet. But the internet is not that bad. In my point of view you have to be just interesting, extraordinary and always giving 100%, than – with a little bit of luck – you can reach more people than ever before in a short time. Yeah, sometimes you need just luck.. but that’s probably the exceptional case. I’m curious what happens the next decades!

Do you want to leave a message to your Italian fans? Thanks Jennifer for this interview!

JH: We’re really looking forward to the 18th January in Italy! We hope to see you all there to party our very first show in Italy! We wanna get to know you and are very curious how BTB will come across in your beautiful country!
Thank you for your interest and best wishes from Germany! ??

[/wptab]

[end_wptabset]