Skip to main content

COMANIAC – Avere un messaggio è fondamentale!

I COMANIAC hanno fatto breccia nel nostro cuore dopo la splendida performance al METALDAYS 2016 e hanno confermato la bella impressione con il loro ultimo lavoro Instruction For Destruction, in attesa di vederli in tour europeo, ecco a voi una breve intervista che abbiamo avuto modo di portare a termine!

 

Ciao ragazzi, è un piacere ospitarvi sulle nostre pagine, partiamo subito con le cose concrete, vi ho visti al MetalDays 2016 e mi siete piaciuti moltissimo, un’esibizione del genere quanto vi ha cambiato la vita?

È stata una grande opportunità suonare al MetalDays 2016 di fronte a così tanti metallari entusiasti e maniaci del thrash. Il feedback è stato fantastico e ci ha aiutato davvero a iniziare il passo successivo. Dopo aver attraversato molti cambiamenti nel 2016, ci siamo sentiti come se tutto il nostro sforzo e lavoro per la band finalmente abbiano dato frutti.

Quali sono le maggiori differenze da allora?

Beh… Dopo i cambi di lineup nel 2016 abbiamo lavorato sodo per trovare un suono thrash nuovo ed innovativo per i Comaniac. Il nostro album di debutto “Return to the Wasteland” del 2015 è stato ricevuto bene ma volevamo raggiungere musicalmente qualcosa di più. Questa è decisamente la differenza maggiore dal tempo in cui siamo andati in tour con il nostro album di debutto e suonato al MetalDays 2016.

Ovviamente c’è di mezzo il disco, e di questo vorrei chiedervi: come è nato? come è stato il processo compositivo? Come lo potete riassumere a qualcuno che non l’ha ancora ascoltato?

“Instruction For Destruction“ è stato pubblicato nel mese di aprile 2017 e si tratta della nostra seconda offerta. Proprio mentre suonavamo al MetalDays 2016 eravamo nel bel mezzo del processo di scrittura delle canzoni e la maggior parte di queste era già pronta per lo studio. A lavorare maggiormente ali brani di questo album siamo stati il nuovo chitarrista Valentin e io (Jonas, voce/chitarra). Questa combinazione ha seriamente aggiunto qualcosa di unico ai nuovi pezzi: ha una grande profondità musicale, suona ricco ma anche molto emozionante. Non solo i testi portano una vena oscura nelle canzoni, ma anche atipiche armonie vocali piuttosto notevoli per una nuova band thrash metal.

Com’è trovarsi in uno scenario così poco aperto alle novità?

Risulta molto impegnativo sotto diversi punti di vista. Innanzitutto amiamo la sfida di creare un sound thrash metal innovativo in quanto questo genere, rispetto agli altri, sembra quello dalla mentalità più ristretta. D’altro canto a volte diviene frustrante sentire discussioni sul fatto che siamo o meno thrash metal, power metal, heavy metal o qualsiasi altro genere metal da cui siamo influenzati. Mi viene da dire: “suvvia ragazzi! È la musica che amiamo. Freghiamocene di tutti questi generi ma godiamo della musica o lasciamo perdere.”

Il Thrash metal non è generalmente molto innovativo, qual’è la chiave per un buon prodotto secondo voi?

Per quello che mi riguarda è importante sapere ciò che stai creando con il tuo strumento e con le tue melodie. Devi avere un messaggio, qualcosa da dire. Hai bisogno della giusta mentalità e di tenere le orecchie aperte a tutto, dalle musiche differenti alle diverse idee. Per me scrivere musica è più come camminare attraverso un paesaggio e cercare di trovare la strada giusta. Si tratta in fondo di un viaggio. In generale è questa, per me, la chiave per la buona musica e la strada da seguire quando vuoi essere innovativo in un qualsiasi genere.

Quali sono le band a cui vi ispirate di più o con le quali vorreste collaborare?

Nel trash metal ci sono molti nomi ma, per quanto mi riguarda, i vecchi Sepultura sono sempre stati una grande influenza in quanto ritmicamente offrono veramente tanto. Per quanto riguarda le melodie ad avermi suggestionato sono stati gruppi quali Megadeth e Nevermore. Per i testi invece amo gli Opeth. Come già detto prima, è il mix che apre la tua mente alle nuove cose.

Cosa pensate delle band che si affidano ai fans per gestire il proprio corso economico? tramite ad esempio raccolta fondi e varie forme di retribuzione?

Si tratta di una nuova opportunità per far funzionare la tua attività. Per quel che ci riguarda, un business di questo tipo non è mai stato un’opzione, in quanto vogliamo focalizzarci su altri aspetti rispetto al lasciare ai nostri fan gestire la nostra musica. Lasciamo che si divertano per ciò che facciamo e interessiamoci al resto.

Quali sono i programmi per il futuro? Cosa dobbiamo aspettarci da voi?

In giugno iniziamo il nostro intenso tour per “Instruction For Destruction”, di supporto in giro per l’Europa a band quali Metal Church, Death Angel e Overkill. Ovviamente, suonare ai concerti e fare tour è il nostro obbiettivo per quest’anno in modo tale da far uscire il nuovo album e promuoverlo correttamente. Per il 2018 abbiamo alcuni piani e cose in corso, ma al momento non possiamo parlarne. Controllate ogni tanto il nostro sito o la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati.

Per me è tutto, vi ringrazio e vi lascio spazio per dire quel che volete ai nostri lettori.

Grazie mille a voi, cari lettori, per il vostro supporto alla musica metal. Date un ascolto al nostro nuovo album. Siamo veramente in attesa per il nostro tour e speriamo di portare presto concerti in Italia. E grazie MetalPit.it per essere entrati in contatto con noi!

Hi guys, it’s a pleasure to have you on our pages, let’s start right away with concrete questions: I saw you on Metaldays 2016 and I really liked you, how much has such a show changed your life?

It was a great opportunity to play MetalDays 2016 in front of many enthusiastic metalheads and thrash maniacs. The feedback was great and it really helped us out to take the next step. After we went through many changes in 2016 we felt like all our effort and work into the band finally bore fruit.

What are the biggest differences since then?

Well… After the lineup changes in 2016 we worked hard to find a new and innovative thrash sound for Comaniac. Our Debut Album „Return To The Wasteland“ back in 2015 was received well but we wanted to achieve more musically. That’s definitely the biggest difference from the time we toured with our Debut Album and played MetalDays 2016.

Obviously there’s also an album in between, and about this one I would like to ask you: how was it born? How was the compositional process? How can you summarize it to someone who has not yet heard it?

Instruction For Destruction“ was released in April 2017 and is our second offering. Right when we played MetalDays 2016 we were in the middle oft he song writing process and already had most of the songs ready for the studio. For this album it was especially our new guitarist Valentin and myself (Jonas, voice/guitar) who worked at the songs. This combination really added something unique to the new songs. It has a big musical depth, it sounds rich but also very emotional. Not only the lyrics bring a dark mood into the songs but also the untypical vocal harmonies which are pretty outstanding for new a new thrash metal band.

How do you fell in a scenario so little open to innovation?

It is really challenging in many ways. First of all we love the challenge to create an innovative thrash metal sound since thrash metal seems to be the most narrow-minded metal genre there is. On the other hand it sometimes gets frustrating hearing about dicussions whether or not we are thrash metal, power metal, heavy metal or whatever metal genre we’re influenced by. It gets me to say: “come on guys. It’s the music we love. Let’s not give a shit about those genres but enjoy the music or leave it aside.“

Thrash metal usually is not very innovative, in your opinion what is the key to create a good product?

For myself it’s important to know what you are doing musically on your instrument and with your melodies. You need to have a message, something to say. You need attitude. And you need to have open ears for everything – different music, different ideas. Writing music for me is more like walking through a landscape and trying to find the right way. It’s a journey. For me this is the key for good music in general and the way to go when you want to be innovative in any kind of genre.

What are the bands that inspired you the most or with whom you would like to collaborate?

In thrash metal there are many names but for me old Sepultura has always been a big influence. Rhythmically it offers so much. Then from the melodies there are bands like Megadeth or Nevermore who had a big influence as well. Songwriting wise I love Opeth. Again it’s the mix which opens your mind for new stuff.

What do you think about bands that rely on fans to manage their business flow? For exemple through fundraising and various forms of compensation?

It’s a new opportunity to get your business going. For us these kind of businesses has never been an option as we really want to focus on other things than letting our fans do the management of our music. Let them enjoy what we do and let us care about the rest.

What are your programs for the future? What should we expect from you?

We’’re starting our intense touring for “Instruction For Destruction” in June by supporting bands like Metal Church, Death Angel and Overkill in Europe. Of course playing shows and tours is our focus for this year to get our new album out and to promote it properly. For 2018 we have a bunch of plans and things going on but we can’t give them away right now. Just check our homepage of facebook page every now and then to get updated.

It’s all for now, thank you and I leave you this space to say what you want to our readers.

Thanks a lot to you dear readers for supporting metal music. Give our new album a listen. We’re really looking forward to our tour and hope to play shows in Italy soon. Thanks metalpit.it for getting in touch with us!

by

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *