English version

Non bastava una carriera piena di successi con i Megadeth, il co-fondatore e bassista David Ellefson ha iniziato un nuovo progetto e lo ha battezzato con due diversi tour: “Basstory Tour” e “More Life With Deth” del 2019, con tappa al Legend Club di Milano. In questo strano 2020 Mr. Ellefson ha pubblicato un nuovo disco, intitolato “No Cover”, di cui potete trovare la recensione qui. Abbiamo avuto l’onore e il privilegio di aver potuto fare quattro chiacchiere con lui. Siete pronti a fare un giro sul mega tir di David Ellefson?

Ciao, David, benvenuto su Metalpit! Come stai? Come va negli Stati Uniti a proposito del ​​Coronavirus?

Ciao! Le cose sono piuttosto confuse ovunque con questa pandemia, ma rimango attivo con la nuova musica, è un modo per rimanere positivo e concentrato sul bello della vita.

Parliamo di questo nuovo “No Cover“, come è stato registrato? Siete stati tutti separati a causa della pandemia?

Sì, questo disco è stato registrato in remoto. Con il Covid tra noi non avevamo altra scelta che farlo in questo modo, ma onestamente ha funzionato davvero bene! Tutti avevano accesso a una sorta di studio di registrazione remoto e sono tutti professionisti di alto livello, quindi non ci sono stati problemi. Immagina 20 anni fa, questo non sarebbe stato possibile. Abbiamo fatto molta strada ed è ironico che in questo 2020 fossimo davvero abbastanza preparati per fare digitalmente un lavoro come questo nonostante le sfide del Covid.

Ho visto che hai scelto di avere tanti ospiti, perché questa decisione?

Abbiamo iniziato scegliendo le canzoni, perché la band Ellefson è composta da me, Thom Hazaert, Andy Martongelli, Bumblefoot e Paolo Caridi. Poi, quando le canzoni hanno iniziato a prendere forma, abbiamo preso in considerazione la possibilità di chiamare i nostri amici per unirsi a noi, dato che erano anche fuori dal tour e non vedevano l’ora di interagire con la musica. Da lì abbiamo iniziato a divertirci davvero molto con i nostri amici che si univano per far parte di questa registrazione monumentale.
In un certo senso, mi sento come se ci fossimo tutti uniti per creare qualcosa di veramente potente ed eccitante per i nostri fan, durante un periodo che altrimenti sarebbe stato piuttosto spaventoso e con molta incertezza in tutto il mondo con il Covid. Sono orgoglioso del lavoro che abbiamo svolto tutti insieme e ancora più orgoglioso di noi, una comunità da mettere insieme per il miglioramento di tutti noi. Mi sento come se ora, alla fine dell’anno, abbiamo una sorta di giro di vittoria per il rock n roll con questo disco… è diventato un regalo di Natale per il mondo!

Farai un tour con alcuni degli ospiti presenti nel disco?

Penso che ora abbiamo la piattaforma per invitare gli ospiti sul palco ogni volta che possono essere disponibili. Chiaramente, non ci saranno molti tour fino alla fine del 2021, e se i nostri ospiti saranno disponibili a unirsi a noi mi piacerebbe fare più musica con tutti loro.

Parliamo del tour in supporto a “Sleeping Giants”, avete fatto molte date in giro per il mondo? Sei rimasto soddisfatto del risultato finale?

Sì, il disco “Sleeping Giants” era inteso come una sorta di album di accompagnamento al mio ultimo libro di memorie “More Life With Deth”, che ho scritto con il mio cantante / socio in affari Thom Hazaert. Inizialmente era previsto che uscisse proprio alla fine del tour americano Ozzy / Megadeth la scorsa estate, nel 2019. Ma con il tour cancellato, e le successive cure per il cancro alla gola di Dave, l’album “Sleeping Giants” si è rivelato un momento fortuito per me per intraprendere un’impresa da solista nel tempo libero. L’abbiamo portato in giro per gli Stati Uniti per tutta l’estate, poi sulla Mega Cruise a ottobre 2019 e a novembre nel Regno Unito (con uno spettacolo al KK’s Steel Mill) e un tour completo in Italia e parte la Svizzera. Dopodiché ho fatto anche delle date del “Basstory tour” in America Latina. Quindi, sì, si è rivelato essere un tour mondiale da solista!

Quali sono secondo te i cambiamenti positivi e negativi che il mercato musicale ha portato negli ultimi 20 anni?

Il più grande ovviamente è la distribuzione della musica tramite Internet. Mentre molti della mia età lo combattevano, le generazioni più giovani erano totalmente d’accordo perché era una cosa nuova ed erano esperti in tecnologia. Con i Megadeth abbiamo abbracciato la transizione immediatamente all’inizio degli anni ’90. Infatti, la Capitol Records ha fatto per noi il primissimo sito web di una band, per lanciare il disco “Youthanasia” nel 1994. Quel sito si chiamava “Megadeth Arizona”. Da lì, ci siamo assicurati il ​​nome www.megadeth.com e abbiamo costruito il nostro sito che è ancora attivo fino ad oggi. E per me personalmente, ho anche io abbracciato i social media e sono un motore importante per tutte le imprese della band Ellefson e dell’etichetta discografica, della società Ellefson Coffe Co., della Ellefson Films e ora della Ellefson Book Company. Rimane anche un legame fedele con i fan per la mia carriera musicale.

Quale giovane band consiglieresti agli amanti dell’heavy metal e affini?

Adoro un gruppo chiamato Frozen Crown, sono italiani. Hanno un grande team di chitarre, una cantante femminile e un suono pulito. Mi piace quel genere di power metal.

Come vedi il futuro della musica? Sto parlando di un genere come il thrash metal.

È sempre presente ed è guidato dai musicisti più giovani e dai fan del genere. Direi, da membro di uno dei Big 4, che l’abbiamo creato noi e ora è divertente vedere gli artisti più giovani svilupparlo ulteriormente perché fa appello ai loro gusti e alle loro influenze.

Oltre alla musica, quali sono i tuoi hobby e le tue passioni?

Beh, sono sempre impegnato con la Ellefson Coffee Co., scrivendo nuovi romanzi di fantasia, e sto costruendo The Ellefson Book Company. Ma al di fuori della musica amo leggere, cucinare, andare in bici, giocare a golf e andare in spiaggia con i miei figli e tengo sempre alla forma fisica. Cerco di tenere una vita a tutto tondo.

Come affronti i momenti difficili della tua vita, sia personalmente che professionalmente?

Professionalmente, mi piace essere preparato per le cose. Mi alleno quando so che sto per registrare. Trascorro del tempo con la mia arte regolarmente, quindi non sono mai veramente fuori allenamento. Lo stesso per i tour: rimango in buona forma fisica e mi preparo ogni volta che mi viene chiesto di partecipare a qualcosa. Per me si tratta di essere preparati e questo rende la performance molto meno stressante e più piacevole. Essere un professionista significa essere sempre pronto… non solo part-time!
Personalmente, sono stato fortunato ad essere stato ripulito da droghe e alcol oltre 30 anni fa e il processo di recupero da questo mi ha dato alcuni strumenti incredibili su cui mi appoggio per i bei tempi e anche per le difficoltà. La vita non è perfetta, quindi per me è più una questione di reazioni alle carte che la vita mi dà. Ancora una volta, usare gli strumenti tutto il tempo mi mantiene preparato per tutta la vita, il che è molto più utile che non usare mai gli strumenti e poi faticare a trovarli quando le cose vanno fuori dai binari. La vita sembra stare sui binari molto meglio quando sono impegnato ogni giorno con il benessere spirituale, fisico e mentale.

Questa è l’ultima parte dell’intervista, scrivi quello che vorresti ai nostri lettori italiani e grazie per il tuo tempo.

Grazie per il vostro fedele supporto nei miei confronti in tutti gli anni e ora anche i miei nuovi sforzi con la mia band Ellefson. Sono orgoglioso che parte dei membri della mia band e del team di produzione provengano dall’Italia, uno dei miei paesi preferiti in assoluto al mondo! Grazie!