English version

Conosciuto particolarmente per aver suonato con Ozzy Osbourne dal 2009 al 2017, al posto di Zakk Wylde, Gus G debutta ufficialmente con il celebre ex leader dei Black Sabbath al BlizzCon, e nel 2010 contribuisce all’incisione dell’album “Scream”. Tutt’oggi milita nella sua power metal band Firewind, ma ha anche preso parte in diverse band come: Dream Evil, Mystic Prophecy, Nightrage e Arch Enemy. Oltre alla carriera con i vari gruppi, promuove anche la sua da solista con all’attivo fino ad oggi 4 dischi, con ospiti e collaboratori vari come: Matz Levén (Street Talk, Yngwie Malmsteen, Candlemass), Jeff Scott Soto (Malmsteen, Journey, Sons Of Apollo), Elize Ryd (Amaranthe), Dave Ellefson (Megadeth), Will Hunt (Evanescence, Vasco), Dennis Ward (Pink Cream 69, Unisonic), per citarne alcuni.
Se state cercando un chitarrista innovativo, virtuoso e potente, Gus G è qui!

Ciao Gus! Benvenuto su Metalpit! È un piacere per me intervistare uno dei miei chitarristi preferiti di tutti i tempi. Come stai? Come va in Grecia con il Corona virus?

Ciao lettori di Metalpit! Grazie per l’opportunità dell’intervista, spero che siate tutti al sicuro in questi giorni. In Grecia abbiamo gestito bene la situazione Covid all’inizio, ma dopo l’estate purtroppo è arrivata la seconda ondata. Da allora le restrizioni sono rigide, non esco di casa da quasi 2 mesi. Al momento è piuttosto deprimente, quindi cerco di rimanere creativo a casa.

Come componi una canzone e come arrivi a bilanciarla più sul “tecnico” o più sul “melodico”, e come capisci se in quel particolare momento hai bisogno di un assolo di chitarra o di tastiere?

A volte, quando scrivo cose troppo tecniche, sento che manca qualcosa. Poi aggiungo la melodia e tutto cambia e la canzone diventa molto più forte. Altre volte inizio a scrivere basandomi su una melodia. Queste sono le canzoni più facili da scrivere, perché fondamentalmente si scrivono da sole. Quindi, la melodia è la chiave ed è importante ricordarlo. La parte tecnica è solo ego la maggior parte delle volte. È bene includerlo un po’, se hai una certa capacità tecnica, ma non dovrebbe essere l’obiettivo principale.

Mi piace molto la tua canzone “The Quest“, mi piace il modo in cui è composta, la struttura della canzone, il video è da pazzi, come ti è venuta l’idea? E per quanto riguarda il video?

In realtà ho scritto la maggior parte di quella canzone nella mia testa, ed è pazzesco. Ho sentito quell’arpeggio introduttivo nella mia testa e l’ho eseguito sulla chitarra. Le altre parti sono state facili da comporre perché avevo un ritornello solido. Il riff pesante centrale in realtà è uno dei primissimi che abbia mai scritto da adolescente. Mi è sempre piaciuto e non l’ho mai usato, quindi ho pensato che si sarebbe adattato bene come parte centrale di questa canzone. Per quanto riguarda il video, volevo fare qualcosa di pazzesco. Sono andato dal regista e gli ho detto: “Facciamo un video nello stile dei supereroi anni ’80! Voglio evocare il tuono con la mia chitarra e uccidere i cattivi con essa haha!​​” A quel punto mi hanno presentato la sceneggiatura del video che pensavo fosse brillante. Abbiamo girato tutto a Belgrado, in Serbia.

Hai mai pensato di fare un disco con tutte voci femminili? Mi piace molto “What Lies Below” con Elize Ryd (Amaranthe), penso che sarebbe una grande cantante per un tuo disco solista.

Divertente il fatto che tu me l’abbia chiesto, dato che ho avuto l’idea di mettere insieme un album con vocalist donne e scrivere una canzone ispirata da ogni cantante, forse chiamandolo “Muses”, ma in questo momento non ho il materiale o il tempo per farlo . Dato che hai menzionato Elize, dovrei dire che è una delle mie cantanti preferite e mi piacerebbe fare un album completo di collaborazione con lei, forse Elize / G come di progetto in studio. Ma so che è molto impegnata con gli Amaranthe e io sono molto impegnato con le mie band. Chissà? Forse un giorno…

Come hai composto la canzone “I Am The Fire“? Il fuoco è il mio elemento preferito, è anche il tuo?

È un riff che avevo in mente, inizialmente pensavo a Lzzy Hale degli Halestorm per la collaborazione. Immagino di aver ascoltato per un po’ le idee e forse questa canzone è stata il risultato di quel tipo di atmosfera hard rock. Ad ogni modo, il mio product manager all’epoca suggerì di lavorare con la band Devour The Day ed è stata un’ottima idea. Amo la canzone ancora ad oggi. E sì, il fuoco è il mio elemento preferito.

Farai un tour da solista con Jeff Scott Soto? È uno dei miei cantanti preferiti di tutti i tempi.

Non ci sono piani del genere, ma Jeff è un buon amico e se le nostre strade si incroceranno di nuovo, sono sicuro che faremo qualcosa insieme.

Sostituirai nel tuo futuro setlist live, canzoni come “Blame It On Me“, “Summer Days” e “We Are One”? Mi mancano così tanto queste canzoni da urlo!

(ride) ok, ci penserò.

Nel 2016 hai realizzato il video di “Ode To Leonidas” con la tua band Firewind, è fantastico, come hai composto questa canzone?

In realtà ho scritto la canzone nel 2009 per un progetto secondario che stavo per iniziare con Dennis Ward e Michael Kiske. In quel periodo ho anche fatto un provino per Ozzy e quando ho avuto il concerto ho abbandonato l’idea per il progetto secondario. Quei ragazzi hanno creato gli Unisonic. Ad ogni modo, nel 2016 ho rivisitato quelle demo che ho scritto con Dennis e “Ode to Leonidas” era una di queste. In effetti quella canzone ha ispirato l’intero concept per l’album “Immortals”. Il video è stato divertente da realizzare, poiché siamo stati ispirati dal film 300.

Mi dispiace che Bob abbia lasciato la band, pensi che cercherai un altro tastierista?

La rottura con Bob è stata una decisione reciproca. Eravamo una buona squadra sul palco, ma è anche un ragazzo molto creativo e aveva bisogno di mettere le sue idee anche in altri progetti. Sono molto selettivo quando si tratta dei Firewind, in quanto quella band è il mio “bambino”. Inoltre, so che Bob non voleva continuare a girare tanto, quindi questa è stata un’opportunità per entrambi di andare avanti. Non ci sono state lotte o cattivi rapporti, siamo ancora grandi amici, ma da quando è successo ho reinventato i Firewind completamente diversi. Rivoglio il suono più pesante e più vecchio stile dei Firewind e che non includa un tastierista nelle carte. Sono sicuro al 100% che dovremmo continuare come un quartetto per il futuro, fondamentalmente un power trio con un grande frontman. Le tastiere di Bob continueranno ad esistere dal vivo sulle canzoni su cui ha suonato, ma su una base musicale. Non ho alcun desiderio di portare un altro tastierista.

In questo momento sto vivendo una situazione difficile per i miei problemi di salute, come affronti una situazione difficile nella tua vita professionale e nella vita privata?

Veramente? Ti auguro una guarigione veloce! Ebbene per me, il 2020 è stato una sfida come la maggior parte delle persone là fuori e praticamente il 100% dei musicisti di questo pianeta. Fortunatamente, sono un ragazzo che tiene sempre molto da parte per i periodi difficili. Il motivo per cui l’ho sempre fatto è perché ho sempre saputo che l’industria musicale non è un’attività stabile su cui contare. In un certo senso, me l’aspettavo ed ero preparato. Quindi, anche se sono anche ferito alla grande, mi assicuro di poter provvedere alla mia famiglia in una situazione difficile come questa. Non è facile, ma cerco di pensare positivo.

Oltre alla musica, ti piacciono i film? Chi sono i tuoi attori e registi preferiti?

Sì, sono un grande fan del cinema! Amo Riddley Scott, Stanley Kubrick, Martin Scorsese, Woody Alen. Per quanto riguarda gli attori, mi piacciono molto gli attori della vecchia scuola ma anche quelli più recenti. De Niro, Al Pacino, Dustin Hofman, Jack Nicholson, Bill Murray, la lista potrebbe continuare. Mi piacciono soprattutto i film di fantascienza e le commedie.

Pratichi sport? Lo sai che in Grecia vive Alexander Kazakis? è un grande giocatore di biliardo.

Non ho familiarità con lui, mi dispiace. Non seguo molto il biliardo o lo sport. Sono un ragazzo atletico, mi piace allenarmi, ma non mi interessa guardare lo sport in tv, a meno che non siano le Olimpiadi.

Cosa ne pensi del futuro del business musicale?

Penso seriamente che i servizi basati su abbonamento siano il futuro. Piattaforme come Patreon saranno l’archetipo di come gli artisti potranno guadagnarsi da vivere con la loro musica e la loro arte. Inoltre, tutto è già digitale e sui servizi di streaming, queste piattaforme saranno in giro per molto tempo.

Questa era la mia ultima domanda, scrivi quello che vuoi ai tuoi fan in Italia, spero di vederti presto nel mio paese e grazie per il tuo tempo. Ciao!

Mi mancano l’Italia e i miei amici laggiù! Per favore state al sicuro tutti, quando questa pandemia sarà finita tornerò a suonare per voi, lo prometto! Buon Natale!