Valfar, il cantante e fondatore dei grandi Windir, che fu compagno di Sture e Steingrim, è sempre nei cuori di tanti che lo hanno amato ed apprezzato, ancora presente..
Incontro Sture e Steingrim dei norvegesi Vreid, che si sono formati nel 2004 da tre membri originali dei Windir, scioltisi subito dopo la morte di Valfar. La loro musica vede desolate atmosfere Black metal con elementi Thrash metal, con testi epici, sulla natura, vita. Eccomi innanzi a loro per una intervista, breve ma interessante, a questa band che è in costante ascesa.

MP: Ciao e grazie, prima di tutto, per la vostra disponibilità e il vostro interesse!

Sture: Grazie a te per averci dato questa possibilità  e per il benvenuto!

MP: Che ne pensi del metal moderno e degli altri generi?

Sture: Non lo seguo molto [il metal moderno, NdR], ascolto molta musica anni ’70, ’90, Classic Rock, molto Black e Thrash degli anni ’80, da cui traggo ispirazione. Cerco di tenermi aggiornato su quel che c’è in giro, ma la realtà è che non sono molto… portato! E’ difficile dedicare molto del tempo libero ad ascoltare tutto quello che offre il panorama musicale.

MP: Quali  differenze riscontri nella scena metal, diversificandole in base alla provenienza fra: Nord Europa, Europa continentale e USA?

Sture: E’ difficile da dire… Ho ascoltato un sacco di band, anche italiane, che hanno un sound identico a quello delle band del Nord Europa,veramente … Quindi credo sia qualcosa che abbia a che fare con l’ambiente in cui si vive, le persone che ti circondano, il modo in cui cresci, la natura… Credo che tutto influenzi, in una certa maniera. E conseguentemente, tutto finisca per assomigliarsi, comprese le varie scene musicali Nordic metal.

MP: E che ne pensi della scena norvegese nello specifico?

Sture: E’ qualcosa di unico. Parlo sempre per me, ma la maggior fonte della mia ispirazione proviene proprio da questo, oltre che dalla natura e dall’ambiente. La musica riflette la nostra storia e la nostra cultura, quella norvegese in particolare. E penso che la scena norvegese sia più viva che mai, e fonte di grande ispirazione per tutte le band Black metal.

MP: Qual è la tua band nordica preferita?

Sture: Difficile da dire ,ce ne sono molte.. Penso a Burzum e ai Darkthrone principalmente..

MP: Cosa ci potete raccontare in merito al presente della band?

Steingrim: Abbiamo lavorato incessantemente al nuovo album per un anno, che uscirà ad ottobre e si chiamerà “ Sòlverv “ (np: uscito ad ottobre 2015), e dopo la release faremo una lunga pausa: abbiamo davvero fatto moltissimi concerti ed abbiamo bisogno di un break, credo di almeno un anno.

MP: Che ne pensi dei festival metal in generale?

Sture: Credo siano fantastici, una grande opportunità sia per le band sia per i metalheads. Amo questi posti e le location sono splendide, sono speciali! In qualche modo mi ricordano la Norvegia.. clima a parte!

MP: Preferite prendere parte ai festival o suonare nei club?

Sture: Entrambi. Ciò che preferisco è suonare nei club, per l’atmosfera che si viene a creare ed il contatto con il pubblico, l’intimità e la concentrazione.

MP: Che cosa vedete nel vostro futuro?

Sture: Non abbiamo piani particolari, ma certamente continueremo a suonare e comporre. Credo che il nostro ultimo album, “Sòlverv“, sia in assoluto il migliore che abbiamo mai fatto, quindi crediamo che il modo migliore sia procedere un passo alla volta (o un album alla volta!), dato il risultato.

MP: Ultima domanda.. i Vreid hanno un sogno in particolare?

Sture: Continuare a suonare, smettere il più tardi possibile. E’ tutto ciò che io desidero, tutto ciò che noi desideriamo, continuando a fare del nostro meglio.

MP: Vi ringrazio molto, è stato anche emozionante per me parlare con voi… e sentire in qualche modo vicino lo “spirito “ del grande Valfar.. Vi auguro il meglio e in bocca al lupo per il vostro nuovo album!

Sture e Steingrim: Grazie a te e a tutti i metalheads italiani, grandi estimatori della scena norvegese e del Black metal!

Vreid02