Quando il metal americano si fonde con quello italiano si ottiene un risultato a dir poco strabiliante e questa sera ne abbiamo avuto una degna prova.
Dopo il “Basstory Tour” di quest’anno con tappa a Marzo sempre al Legend Club di Milano, il 10 Novembre 2019 si è tenuta una nuova data del bassista storico dei Megadeth, David Ellefson.
Durante questi show, a differenza della clinic della scorsa primavera, è stato accompagnato da una formazione composta da Thöm Häzäert alla voce, Valerio Edward De Rosa e Andy Martongelli alle chitarre e Paolo Caridi alla batteria. Una line-up di tutto rispetto che ha cavalcato il palco con il protagonista, suonando tracce del suo ultimo e primo disco solista “Sleeping Giants” e pezzi storici dei Megadeth.
Durante e dopo la sessione live David ha anche raccontato alcuni aneddoti dei trionfi e delle difficoltà incontrati durante il suo percorso musicale assieme a Thom Hazaert, co-autore del nuovo libro “More life with Deth”.

Ad aprire le danze della serata ci sono gli Aetherna, band alternative metal nata nel 2015 a Roma, di cui è uscito recentemente l’ultimo lavoro “Darkness Land“.
La band capitanati da Germana Noage si presenta in ottima forma con i Nostri che, appena si spegne la musica di sottofondo, vengono accolti dagli applausi di un pubblico, purtroppo, poco numeroso ma molto carismatico e chiassoso.
Eseguendo una serie di brani che si ispirano ad un heavy metal vecchio stampo, influenze 80/90, come Megadeth, Metallica e cercando di unire queste sonorità a tendenze più moderne come Evanescence e Lacuna Coil, danno molta carica e scaldano l’atmosfera.
Band di tutto rispetto e che sicuramente merita un ascolto sulle piattaforme digitali da parte di ogni metallaro in cerca di sonorità underground nuove.
Purtroppo l’esibizione degli Aetherna dura solo 30 minuti e quindi salutiamo i nostri amici romani e ci prepariamo a Mr. Ellefson.

Setlist:
Event Horizon
Lord Of Sin
Overdream
Sounds From Nowhere
Darkness Land

Sono le 22:30 spaccate e al grido di Thöm Häzäert: “Milano!!” il pubblico si infiamma. Piombano sul palco Ellefson e co. con un’accattivante “Dawn Patrol” tratta dal capolavoro “Rust in Peace” dei Megadeth, seguita da un intro di assoli iniziali di “Five Magics” eseguiti da Martongelli e De Rosa. Una partenza a dir poco eccezionale, soprattutto per i fan più esigenti, che questa sera sono qui per ascoltare i pezzi della loro band del cuore.
Brevi i saluti iniziali, si passa subito ad una “Go To Hell” tratta da “Hidden Treasures” del 1995: anche qui si può vedere una grande performance da parte di tutta la band, dalla voce di Thöm agli assoli eseguiti alla perfezione da Andy Martongelli.
Subito dopo viene presentato il disco “Sleeping Giants” ed il libro “More life with Deth“, scritto insieme al suddetto cantante, con tre canzoni molto coinvolgenti con un bel tiro thrash metal. I miei complimenti sia per l’esecuzione live che per le note incise su disco.
La canzone successiva viene presentata come tratta dal disco “Peace Sells…but who’s buying?“, al che il pubblico inizia ad urlare come se fossero ad un vero e proprio concerto dei Megadeth. Insomma, tolti i numeri del pubblico, pare non ci siano troppe differenze questa sera, a mio parere il tutto è dato dal fatto che una line-up scelta così bene non può che infiammare tutto e dare ottimi risultati fin da subito.
Dopo una breve presentazione di “Hammer” da parte di Martongelli, la band propone direttamente dal disco “So far…So good… So What!” del 1988, tre brani a dir poco speciali e a giudicare dalla performance di Ellefson non sembrano nemmeno passati tutti questi anni dalla sua pubblicazione.

Dopo un finale coi fiocchi possiamo tirare giù le somme e dire di aver passato una serata a dir poco indimenticabile sotto molti punti di vista; peccato per il poco pubblico, fortunati quelli che c’erano, soprattutto per i fan più giovani come me, sfegatati dei Megadeth.
Alla chiusura della serata la band scende dal palco e dà spazio a tutti per foto, saluti ed autografi vari.
Ancora una volta David si presenta in ottima forma e come sempre un musicista di alto livello, carismatico, gentile e molto educato.
Mr.Ellefson, ci rivedremo sicuramente!

Setlist:
Dawn Patrol
Five Magics (Intro Solo)
Go To Hell
Vultures*
If You Were God*
Feel Your Pain*
Wake Up Dead
Hammer (Comes Down)*
Liar
Hook In Mouth
Anarchy In The U.K.
Symphony Of Destruction
Peace Sells

Encore:
The Conjuring

*Tratti da “Sleeping Giants”