Per tutti coloro che hanno intenzione di scaricare lo stress accumulato durante la settimana, non c’è niente di meglio del passare una divertente serata in compagnia del nostro amato Rock’n’Roll; l’occasione si presenta al Blue Rose Saloon di Bresso dove si esibiranno i dirompenti Dobermann accompagnati dagli scatenati StOp,sToP! che stanno intraprendendo assieme lo “SPAGHETTI & PAELLA TOUR 2019”, contaminando tutto e tutti con la loro ineguagliabile energia e voglia di divertirsi. Pian piano la gente comincia ad affluire, si notano figure sgargianti tra capelli tinti e pantaloni leopardati rimaste fedeli al look Glam Rock anni ’80. Il tempo passa ed i Dobermann girano per il locale parlando con amici e fans, ma sul tardi ancora nessuna traccia degli StOp,sToP!, che tra l’altro devono esibirsi per primi… Ma dove sono??? Mistero svelato, avendo perso l’aereo da Barcellona sono stati costretti a prendere il successivo rimanendo con i tempi strettissimi, infatti sono arrivati giusto in tempo per prepararsi e settare gli strumenti.

StOp,sToP!

Alle 23,00 circa il trio spagnolo è pronto a dare inizio alla serata, mentre prendono posizione i fans si accalcano davanti al palco ed il frontman e fondatore Jacob A.M. saluta dando il benvenuto; l’accoglienza è molto calorosa e senza perdere tempo gli StOp,sToP! partono in quarta con Renegade”. I ragazzi si sono esibiti spesso al Blue Rose Saloon, in men che non si dica entusiasmano i presenti riscaldando l’atmosfera. Dalla nascita nel 2007 ad oggi hanno pubblicato quattro dischi, di cui il quarto “Get Selfied” sarà il fulcro del repertorio; pezzi come “The Last Call” e “You’re Rock’n’Roll” esaltano i fans che cantano e ballano, ma anche la più soft “You Drive Me Loco” è molto apprezzata. L’energia sprigionata dalla loro presenza scenica è contagiosa, alimentata dal loro sound che miscela un’attitudine festaiola con la grinta del rock, la quale dilaga grazie al chitarrista Vega che si rivela una fonte inesauribile di scoppiettanti riff e frizzanti assoli. La ritmica è ben sostenuta da Danny Spasov che da dietro alle pelli agita la voluminosa chioma picchiando senza sosta, mentre il frontman Jacob A.M. fa vibrare duramente il basso graffiando i timpani con la sua voce dirompente dal timbro abrasivo, aiutato dai compagni nei cori. Durante lo show l’entusiasmo cresce, impossibile restare calmi mentre suonano cavalli di battaglia come “Love Machine”, “Join The Party” e “Toilet Party” e tanti altri, inoltre Jacob A.M. si dimostra molto interattivo ridendo e scherzando. Infine con l’omonima “Stop,Stop!” concludono una performance davvero emozionante ma dato che in fans non ne hanno mai abbastanza ed il tempo a disposizione lo permette, per chiudere in bellezza improvvisano un medley Rock durante il quale Jacob A.M. e Vega scendono a suonare tra la gente. Gli StOp,sToP! hanno senza dubbio riscaldato gli animi, dimostrando grinta, passione e spianando la strada agli headliner; accompagnati da meritati applausi possono ritirarsi a testa alta ma una cosa è certa… Rock’n’Roll never StOp,sToP! 

Setlist:
Renegade
Love Machine
Poser
Living A Lie
Lola
Join The Party
You Drive Me Loco
On The Red Line
The Last Call
In’n’Out
Toilet Party
You’re Rock’n’Roll
Stop, Stop!
Rock medley

DOBERMANN

Siamo giunti alla seconda ed ultima parte della serata, i nostri animali da palco stanno per essere sguinzagliati; durante il cambio palco i fans possono riprendere fiato ma non per molto, perché rapidamente i Dobermann prendono possesso della scena azzannando i presenti sulle note di “I Need A Holiday” seguita da “Stuck In Traffic”presa dall’ultimo disco “Pure Breed” uscito nel 2017. Un inizio col botto che fa risalire nuovamente la temperatura: i tre elementi fondamentali (chitarra-voce, basso e batteria) danno vita ad un sound aggressivo che si propaga nel locale. Sulla breccia dal 2011 i torinesi hanno alle spalle un’intensa attività live sia in Italia che in Europa, che gli ha dato la possibilità di aprire gli show dei Great White, The Quireboys, Richie Ramone, Blaze Bayley, Inglorious, Gilby Clarke, Rocket from the crypt e Chris Holmes, inoltre gli ha permesso di acquisire una dinamica tenuta di palco. Purtroppo devo constatare che il pibblico è leggermente diminuito, sembra che gli spagnoli abbiano avuto la meglio, un vero peccato visto che i nostri giocano in casa. Non per questo si danno per vinti, anzi tirano fuori tutta la loro tenacia procedendo come un treno in corsa: il repertorio proposto si divide tra pezzi di Pure Breed” alternati a brani inediti come “Stiff Upper Lips” e “Talk To The Dust”, come unico pezzo in italiano “Testarossa” tratto dal secondo album “Vita Da Cani”, complessivamente riscuotono tutti buon successo. Il trio è molto affiatato ed il loro sound è una scarica di adrenalina che trasuda dagli strumenti, la potenza della ritmica è data dalle sei corde roventi di Valerio ‘Ritchie’ Mohicano che si destreggia tra spiazzanti riff e assoli, potenziati dalle tonanti linee di basso scaturite dal fondatore Paul Del Bello, la cui voce calda e mordente tiene le redini dello show assieme al suo carisma. Infine, Antonio ‘Antuan’ Burzotta pesta su piatti e pelli come un forsennato dando a ogni pezzo una marcia in più, sorprendendoci pure con un portentoso assolo a metà concerto. I fans sono in continuo fermento tra canti e balli totalmente posseduti dalla pura energia del Rock’n’Roll, inoltre tanto per gradire Paul e soci eseguono delle cover di mostri sacri come ZZ Top e Girlschool e, per aumentare l’impatto scenico quando giunge il momento di “War Thunder”, la canzone viene introdotta da Paul che prende una sorta di fiaccola improvvisandosi un mangiatore di fuoco ed abbagliandoci. Sul finale, omaggiando i Van Halen terminano con “Hot For Teacher”, o almeno così fanno credere perché dopo due minuti chiedono espressamente se vogliamo un’altra cover e la scelta cade su Joan Jett con “I Hate Myself For Loving You”. A mio parere, avendo già fatto prima delle cover avrebbero potuto finire con un loro brano, ma il pubblico è stato ugualmente contento e ripaga i suoi beniamini con copiosi applausi per l’esibizione di alto livello sotto tutti gli aspetti che ha placato la collettiva sete di Rock’n’Roll.

Per l’ennesima volta il Rock’n’Roll ha trionfato dettando legge, grazie ai suoi fedeli seguaci StOp,sToP! e Dobermann che hanno dato anima e corpo per farci divertire con uno spettacolo di musica vera e genuina, missione senza dubbio portata a termine con successo. Ringraziamo di cuore la Rocker Sound Agency e tutto l’efficiente staff del Blue Rose Saloon per aver organizzato questa fantastica serata, sperando che ce ne saranno tante altre. Alla prossima!

Setlist:
I Need A Holiday
Stuck In Traffic
Stiff Upper Lips (inedito)
Tacking In The Out Takes
Talk To The Dust (inedito)
Please Don’t Touch (Girlschool cover)
You Talk It, You Walk It (inedito)
Drum Solo
Pure Breed
Testarossa
Sharp Dressed Man (ZZ Top cover)
Shotgun Wedding (inedito)
War Thunder
Hot For Teacher (Van Halen cover)

Encore:
I Hate Myself For Loving You (Joan Jett cover)