Ritorna in Italia per diversi concerti Kiko Loureiro, uno dei chitarristi più celebri ed influenti nel panorama metal, ex componente degli Angra, in formazione fino al 2017, e chitarrista solista dei Megadeth a partire dal 2015 con i quali ha registrato l’album “Dystopia”, uscito nel 2016. Questa sera al Legend, dopo la data romana al Crossroads, si presenta con una line up che coinvolge gli ex compagni nella formazione brasiliana, Felipe Andreoli al basso e Bruno Valverde alla batteria. La serata ha coinvolto un gran numero di partecipanti e ad accompagnare l’esibizione del chitarrista abbiamo i nostrani Chronosfear, forti del loro primo studio album, l’ottimo “Chronosfear”, e una band proveniente dall’Emilia Romagna,  i Gatecloser.

A scaldare le atmosfere ci pensano questi ultimi, una band nata nel 2016 per iniziativa di giovani ragazzi che suonano un alternative metal influenzato sia dal prog che da power e thrash. Tra numerosi intrecci interessanti di chitarra, batteria dai ritmi e cambi di tempo repentini, i Gatecloser ci intrattengono con alcuni pezzi, offrendo un’esibizione abbastanza apprezzata.

Setlist:

1. From the Wasteland (Intro)
2. The Crow
3. Bury Him Alive
4. White Bones
5. Take My Hand
6. Blackout
7. Black March

GATECLOSER

Proseguiamo con l’esibizione dei Chronosfear, band bresciana fresca dell’ottimo album di debutto “Chronosfear”, un concentrato di power metal dai tratti sinfonici, melodici e progressive, dal quale ci regalano  cinque brani davvero coinvolgenti, che rappresentano la punta di diamante della scaletta ed esaltano in particolare l’ottima esibizione al microfono di Filippo Tezza e del tastierista Davide Baldelli, che accentuano insieme la parte più melodica del loro mood insieme al bravissimo chitarrista Eddie TheSpot, maestro degli assoli e delle sequenze ritmiche. In particolare il brano “Symphonies of the Dreams Untold” mette in evidenza tutta la bravura del chitarrista e del bassista Xavier Rota. Non da meno è anche il roboante drumming di Michele Olmi. Il tempo a loro disposizione è forse stato fin troppo breve, ma escono tra gli applausi del pubblico in attesa dell’arrivo di Kiko.

Setlist:

1. Clockworks (intro)
2. The Last Dying Ember
3. Symphonies of the Dreams Untold
4. The Gates of Chronos
5. Faces
6. Of Dust and Flowers

Dopo un lungo cambio palco, con all’incirca una ventina di minuti di attesa, il grande Kiko Loureiro sale sul palco del Legend già strapieno da un pezzo, accompagnato dagli altri due musicisti d’eccezione, che insieme rievocano parte della formazione degli Angra fino all’album “Secret Garden”, l’ultimo con Loureiro alla chitarra. Le composizioni dei brani della carriera solista di Loureiro uniscono il metal alle sonorità della musica brasiliana, la samba e le ritmiche quasi tribali. Gli assoli si fanno sempre più veloci e ricchi di tecnicismi davvero coinvolgenti. Il chitarrista dei Megadeth incita anche il pubblico a tenere il tempo battendo le mani e in un simpatico momento cerca di esprimersi anche in italiano, dimostrando di non cavarsela poi così male, nonostante le difficoltà.

Kiko gioca attraverso una tempesta di note suddivise in momenti ricchi di potenza e melodia e in sequenze ritmiche sempre più complesse, le quali esaltano la sua immensa dote da professionista della tecnica. Menzione necessaria anche per i due musicisti che lo affiancano, Felipe Andreoli con il suo basso pulsante e l’incredibile tecnica sfoderata da Bruno Valverde dietro le pelli. La setlist presentata dai tre musicisti percorre in particolare i lavori più recenti della discografia di Kiko Loureiro , qualche brano tratto anche dai primi dischi, e si trova spazio anche per un brano strumentale dei Megadeth, “Conquer or Die“, tratto da “Dystopia”. Tra applausi e ovazioni i tre musicisti salutano il pubblico del Legend dopo questa esibizione davvero suggestiva.

Setlist:

1. Pau de Arara
2. Reflective
3. Escaping
4. Graystone gateway
5. No Gravity
6. El Guajiro
7. Feijão de corda
8. Camino a casa
9. The Hymn
10. Samba Da Elisa
11. Conquer or die (Megadeth cover)
12. Angels and Demons
13. Ray of Life
14. Dilemma
15. Enfermo