Skip to main content

VINNIE MOORE + MOON REVERIE @ Druso, Ranica (BG) – 02/10/2016

 

Vinnie Moore è considerato uno dei chitarristi più influenti nella scena musicale mondiale. Membro dei britannici UFO, con cui ha suonato lo scorso novembre proprio qui in Italia, ritorna in mini tour da solista: questa la terza data italiana, occasione dunque da non lasciarsi scappare.

MOON REVERIE

Sono praticamente la prima, in loco trovo solamente uno degli addetti al suono del locale e di lì a poco vedo arrivare anche tutti gli altri componenti dei gruppi, Moon Reverie e Vinnie Moore, con al seguito i musicisti che questa sera saliranno con lui sul palco.
Tempo di scaricare tutti gli strumenti e portarli all’interno del locale e ho la possibilità di assistere ad entrambe le prove, giusto un assaggio di quello che sarà poi la serata vera e propria.

I Moon Reverie, fondati da Luca Poma, chitarrista molto dotato e che ha già all’attivo collaborazioni con vari musicisti internazionali, danno il via al loro concerto: sostenuti dal pubblico presente in sala, i momenti salienti della serata sono i due botta e risposta in cui vede coinvolti Poma e Nicola Leonisio alla tastiera, che si “sfidano” a suon di fraseggi, e sempre il chitarrista con il suo omonimo Luca Pozzi, il cantante, con cui instaura un altro duello per vedere chi riesce ad arrivare alla nota più alta. Non è da meno la sezione ritmica: nonostante il batterista, Manuel Togni, non sia in splendida forma fisica non si risparmia di certo da dietro le pelli e si fa notare anche Michele Locatelli al basso, in perfetta sintonia con il resto del gruppo. Meritano decisamente gli applausi ricevuti e gli auguro di cuore di riuscire a terminare il loro lavoro, per fare quel famoso salto di qualità.

VINNIE MOORE BAND

Classico cambio di palco e strumenti e nel frattempo in sala il pubblico si fa leggermente più numeroso. Ad essere sincera mi sarei aspettata il locale molto più pieno per un evento del genere: la causa di questa scarsa affluenza può essere che al Live Music Club a Trezzo, non molto lontano da qui, ci sono i Moonspell, altro gruppo storico, e quindi abbiano deciso per quello, e di conseguenza quando nella stessa sera capitano due eventi interessanti ci si trova a malincuore a fare una scelta non semplice. Quando si spengono di nuovo le luci e sul palco fa il suo ingresso Vinnie Moore, quest’ultimo viene accolto da applausi e da qui in poi pronti a sognare. Accompagnato da musicisti italiani, inizia con “Daydream” e snocciola via via brani dalla sua discografia, ma lasciando spazio anche agli altri, come durante “The Maze” con Roberto Pirami alla batteria, il cui assolo lascia veramente tutti senza parole. Si passa poi la “parola” poi a Don Roxx con i suoi giri di basso spettacolari. Non è da meno l’altra sei corde, Nazzareno Zacconi, che in “White Room” si lancia in un assolo davvero fantastico, durante il quale la sottoscritta è rimasta stregata da tanta bravura. Chiudono questo concerto con una canzone che non ha bisogno di presentazioni: appena partono le prime note di “You Shook Me All Night Long” degli AC/DC, fatta in versione solo strumentale parte un’ovazione dai presenti e il ritornello viene cantato da tutti.
Giusto il tempo di riposarsi un attimo e a sorpresa Moore ci regala un piccolo meet & greet, disponibile e sorridente a chi chiede foto e autografi e scambiando due parole con chi gli pone delle domande, una vera occasione da non lasciarsi scappare per chi si trova lì.
Doverosi i ringraziamenti allo staff del Druso, gentili e cordiali come sempre, e alla International Rock Agency, che ha portato in Italia un musicista internazionale, regalandoci una serata davvero unica.

moon-reverie-druso-02-10-1 moon-reverie-druso-02-10-2 moon-reverie-druso-02-10-6 moon-reverie-druso-02-10-7 moon-reverie-druso-02-10-9 vinnie-moore-band-druso-02-10-1 vinnie-moore-band-druso-02-10-2 vinnie-moore-band-druso-02-10-3 vinnie-moore-band-druso-02-10-5 vinnie-moore-band-druso-02-10-6 vinnie-moore-band-druso-02-10-7 vinnie-moore-band-druso-02-10-8

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *