Formazione interessante i Nibiru. Al loro settimo anno di attività possono già contare cinque dischi alle loro spalle, grazie ai quali sono ormai una certezza nella scena underground italiana. Due anni dopo “Qaal Babalon”, i torinesi tornano a farsi sentire con “Salbrox“, il quale continua nella stessa strada dei precedenti lavori, con una proposta ritualistica, ipnotica e psichedelica che ha sempre contraddistinto il terzetto. Ma non stiamo parlando di un semplice prosieguo di quanto già proposto; fin dalle prime note funeree di “EHNB” i Nostri dimostrano di aver fatto un ulteriore passo di qualità.
Il rito inizia e subito coinvolge, richiama l’attenzione, e considerando questo preludio le aspettative non possono che essere alte.

“Salbrox” è la traduzione dalla lingua enochiana di zolfo, e così come i composti formati con tale elemento chimico, questo lavoro ha la capacità di essere corrosivo, per tutta l’ora abbondante di durata della produzione la curiosità di proseguire l’ascolto non si smorza mai, l’impatto è immediato e considerevole, capace di mettere in mostra maturità, consapevolezza e talento.
Tutti i brani sono accomunati da una lentezza tormentosa e riescono a mostrare elementi diversi durante l’ascolto. Ci sono passaggi, come “EXARP“, che contengono un susseguirsi di riff incisivi e un cantato straziante, ma allo stesso tempo altri pezzi si concentrano più sull’aspetto ritualistico del lavoro, e troviamo l’esempio in “HCOMA“.
Nella seconda metà troviamo “ABALPT” e “BITOM“, le quali evidenziano ulteriormente l’atmosfera ipnotica e coinvolgente che si è creata e son capaci di dare l’ultimo assaggio del rituale prima della conclusiva “RZIORN“, che chiude definitivamente la produzione con tredici minuti di pura e sregolata aggressività.

I Nibiru si dimostrano una band decisamente fuori dal comune, non adatta a chi cerca una versione classica dello Sludge/Doom. I loro lavori verranno apprezzati completamente soltanto da una determinata cerchia di ascoltatori, predisposti a un’offerta particolare, variegata e distruttiva, che in questo lavoro ha trovato la sua massima espressione fino a questo momento.



Tracklist:
1. ENHB
2. EXARP
3. HCOMA
4. NANTA
5. ABALPT
6. BITOM
7. RZIONR

NIBIRU - Salbrox
Genre: Sludge Metal
Label: Ritual Productions
8.2Overall Score
Reader Rating 0 Votes
8.2