Siete amanti del Progressive, del Djent, dei ritmi serrati e complessi? “Savages“, il nuovo disco dei The Dali Thundering Concept, è quello che fa per voi. Etichettato come “Dissonant Tech Metal”, si può collocare nello stesso panorama dei Born Of Osiris e Within The Ruins, ma strizza l’occhio anche ai lavori dei Periphery e Protest The Hero.

“Savages” è un concept album incentrato sulla visione distopica del futuro che attende l’umanità, riferendosi a problemi sociali ed ambientali come il riscaldamento globale, i populismi di destra, il divario tra ricchi e poveri. Per dare la sensazione di una continuità tra i brani, la band ha utilizzato all’inizio o alla fine di quasi tutte le canzoni dei suoni ambientali, discorsi, stralci di frasi tratte da cartoni animati, che a volte vanno quasi in contrasto con la musica che viene a seguire. Musicalmente, i The Dali Thundering Concept dimostrano di sapersi muovere agilmente tra vari stili del metal: Ostrich Dynasty, traccia iniziale, va a inserirsi in un contesto Deathcore con riff spaccaossa e breakdown dissonanti, l’assolo è in puro stile Jazz-Fusion e verso il finale il pezzo acquista un sapore Melodic Hardcore. A seguire abbiamo The Myth Of Happiness, pezzo prevalentemente Djent ma con fraseggi più complessi e ragionati, sul finire sono stupendi i giochi fatti sfruttando in modo creativo i rumori che può fare una chitarra. Proseguendo nell’ascolto si arriva ai due pezzi più caratteristici: Ink, un misto di Mathcore e Progressive Metal classico con inserti Death Metal, con quel tocco moderno che solo le chitarre con più di sei corde sanno dare, e Demeter. Menzione a parte per quest’ultimo brano, non mi sarei mai aspettato di trovare in questo disco un pezzo puramente Jazz con tanto di pianoforte, tromba e voce femminile. Abituato com’ero ormai a sentire il growl devastante e le ritmiche complicate, è stata una vera boccata d’aria fresca.

“Savages” è un disco davvero bello, moderno ed innovativo. Se non siete abituati al genere farete fatica ad arrivare alla fine dei 54 minuti di musica, ma anche se preso a piccole dosi (non me ne vogliano i puristi dei concept album) resta un prodotto molto valido.



Tracklist:
1. Ostrich Dynasty
2. The Myth of Happiness
3. Blessed with Boredom
4. Cassandra
5. There’s No Calm Before the Storm
6. Ink
7. Flying with the Shepherd
8. Demeter
9. Empty the Void
10. Utopia
11. We Build the Past

THE DALI THUNDERING CONCEPT - Savages
Genre: dissonant tech metal
Label: Apathia Records
8Overall Score