I ROTTING CHRIST sono stati arrestati in Georgia, nell’Europa dell’Est, per sospetti relativi al nome della band e coinvolgimento in organizzazioni sataniste e terroristiche.

Il frontman Sakis Tolis ha rivelato che lui e il fratello Themis, dopo l’arrivo nella capitale Tbilisi lo scorso 12 aprile e il controllo dei documenti, sono stati incarcerati per dodici ore, in condizioni igieniche precarie e senza la possibilità di alcun contatto esterno.

Fortunatamente, gli altri membri della band non erano sulla lista dei sospetti e sono stati in grado di contattare il promoter per procedere per vie legali e organizzare il rilascio, con la collaborazione di giornalisti e attivisti locali. La band ha poi continuato il suo tour con la data in Armenia senza problemi.

Di seguito il post ufficiale: